di Enza Curcio          

A CHI POLITICO VUOL ESSERE.

Che forte odore asinino
avverte il mio naso,
ogni qualvolta
vo.. per avvicinarmi
ad un palco,
dove il politicante
di turno fa sfoggio paonazzo
del suo ciarlare!

E gią...,ancora una volta
lo si vedrą mimare
lo sdegno, l'ira,
perché colui che prima
sedeva sulla
Gran Poltrona,
orbo e sordo
mostravasi a chi,
una casa o un lavoro
reclamava.

Ma ecco qui, la Persona Nuova!
Impegnerą il suo Onore,
per dare linfa vitale al Paese.

Che belle parole
aleggiano nell' aria!
Riempiono il cuore...

Peccato
che non concretizzino
le nostre vite

 

HOME

 

poeti e poesie

 

guestbook

 info:  ischia2002@hotmail.com                                                                                Ultimo aggiornamento 6 marzo 2005